XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Xagena Salute

Valutazione dei regimi antiretrovirali di seconda linea per la terapia di HIV in Africa


L'efficacia e gli effetti tossici degli inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa ( NRTI ) sono incerti quando questi farmaci vengono utilizzati con un inibitore della proteasi nella terapia di seconda linea per il virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) in contesti a risorse limitate.
Il ritiro degli NRTI o la loro sostituzione con Raltegravir ( Isentress ) potrebbe fornire un beneficio.

In uno studio in aperto in Africa sub-sahariana, sono stati assegnati in modo casuale 1.277 adulti ed adolescenti con infezione da virus HIV e fallimento del trattamento di prima linea a ricevere un inibitore della proteasi potenziato con Ritonavir ( Lopinavir-Ritonavir [ kaletra ] ) più NRTI scelti dai medici ( gruppo NRTI, 426 pazienti ), un inibitore della proteasi più Raltegravir in un confronto di superiorità ( gruppo Raltegravir, 433 pazienti ), o un inibitore della proteasi in monoterapia dopo 12 settimane di terapia di induzione con Raltegravir in un confronto di non-inferiorità ( gruppo monoterapia, 418 pazienti ).

L'endpoint primario composito ( buon controllo della malattia da HIV ) è stato definito come la sopravvivenza senza nuovi eventi di fase 4 secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ), una conta CD4+ maggiore di 250 cellule per mm cubo, e una carica virale inferiore a 10.000 copie per ml o 10.000 copie o più senza mutazioni di resistenza alla proteasi alla settimana 96.

Un buon controllo della malattia da HIV è stato raggiunto nel 60% dei pazienti ( media, 255 pazienti ) nel gruppo NRTI, 64% dei pazienti ( media, n=277 ) nel gruppo Raltegravir ( P=0.21 per il confronto con il gruppo NRTI; superiorità di Raltegravir non-dimostrata ) e 55% dei pazienti ( media, 232 ) nel gruppo in monoterapia ( non-inferiorità della monoterapia non-dimostrata, sulla base di un margine di 10 punti percentuali ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa nei tassi di eventi avversi di grado 3 o 4 tra i tre gruppi ( P=0.82 ).

La carica virale era inferiore a 400 copie per ml nell’86% dei pazienti nel gruppo NRTI, 86% nel gruppo Raltegravir ( P=0.97 ) e 61% nel gruppo in monoterapia ( P minore di 0.001 ).

In conclusione, se somministrati con un inibitore della proteasi in terapia di seconda linea, gli NRTI hanno mantenuto una attività virologica sostanziale senza evidenza di un aumento della tossicità, e non c'è stato alcun vantaggio dalla loro sostituzione con Raltegravir.
Il controllo virologico è risultato inferiore con la monoterapia con inibitore della proteasi. ( Xagena 2014 )

Paton NI et al, N Engl J Med 2014;371:234-247

Inf2014 Farma2014


Indietro