Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Terapia preventiva con Isoniazide nelle donne in gravidanza e postpartum con infezione da HIV


La sicurezza, l'efficacia e la tempistica appropriata della terapia con Isoniazide ( Nicozid ) per prevenire la tubercolosi in donne in gravidanza con infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) che ricevono terapia antiretrovirale non sono note.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, di non-inferiorità, è stata assegnata casualmente a donne in gravidanza con infezione da HIV la terapia preventiva con Isoniazide per 28 settimane, iniziata durante la gravidanza ( gruppo immediato ) o alla settimana 12 dopo il parto ( gruppo differito ).

Madri e neonati sono stati seguiti fino alla settimana 48 dopo il parto.

L'esito primario era un composito di eventi avversi materni correlati al trattamento di grado 3 o superiore o l'interruzione permanente del regime di sperimentazione a causa di effetti tossici.
Il margine di non-inferiorità era un limite superiore dell'intervallo di confidenza del 95% per la differenza tra i gruppi nel tasso di esito primario inferiore a 5 eventi per 100 anni-persona.

Sono state arruolate 956 donne in totale.

Un evento con esito primario si è verificato in 72 donne su 477 ( 15.1% ) nel gruppo immediato e in 73 su 479 ( 15.2% ) nel gruppo differito ( tasso di incidenza, 15.03 e 14.93 eventi per 100 anni-persona, rispettivamente; differenza di frequenza, 0.10; intervallo di confidenza al 95% IC da -4.77 a 4.98, che ha soddisfatto il criterio di non-inferiorità ).

Sono morte 2 donne nel gruppo immediato e 4 donne nel gruppo differito ( tasso di incidenza, 0.40 e 0.78 per 100 anni-persona, rispettivamente; differenza di frequenza, -0.39; IC al 95%, da -3.33 a 0.56 ).
Tutti i decessi si sono verificati durante il periodo postpartum e 4 erano dovuti a insufficienza epatica ( 2 delle donne decedute per insufficienza epatica avevano ricevuto Isoniazide, 1 in ciascun gruppo ).

La tubercolosi si è sviluppata in 6 donne ( 3 in ciascun gruppo ); il tasso di incidenza era di 0.60 per 100 anni-persona nel gruppo immediato e 0.59 per 100 anni-persona nel gruppo differito ( differenza di frequenza, 0.01 ).
Si è verificata una incidenza più elevata nel gruppo immediato rispetto al gruppo differito di un evento incluso nell'esito composito avverso della gravidanza ( parto di bambino nato morto o aborto spontaneo, basso peso alla nascita del bambino, parto prematuro o anomalie congenite nel bambino ) ( 23.6% vs 17.0%; differenza, 6.7 punti percentuali ).

I rischi associati all'inizio della terapia preventiva con Isoniazide durante la gravidanza sono sembrati maggiori rispetto a quelli associati all'inizio della terapia durante il periodo postpartum. ( Xagena2019 )

Gupta A et al, N Engl J Med 2019; 381: 1333-1346

Inf2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro