Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Reumabase.it

Tendenze negli esiti virologici e clinici in soggetti con infezione da HIV-1 e fallimento virologico di farmaci di tre classi di agenti antiretrovirali


In passato erano disponibili limitate opzioni di trattamento per le persone con infezione da virus HIV ( virus della immunodeficienza umana ) già andate incontro a fallimento delle 3 classi originali di farmaci antiretrovirali contro HIV, il cosiddetto fallimento virologico di tripla classe.

Tuttavia, l’introduzione di nuovi farmaci e classi di farmaci potrebbe aver migliorato gli esiti.

È stato condotto uno studio per valutare le tendenze negli esiti virologici e clinici per individui con fallimento virologico di tripla classe nel periodo 2000-2009.

Nella coorte dello studio, sono stati analizzati i dati relativi agli adulti che avevano cominciato la terapia antiretrovirale dal 1998 in coorti partecipanti al progetto PLATO II, che è parte di COHERE, una collaborazione di coorti europee.

Il fallimento virologico di tripla classe è stato definito come fallimento virologico dopo trattamento con almeno 2 inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa, 1 inibitore non-nucleosidico della trascrittasi inversa e un inibitore della proteasi potenziato con Ritonavir, con fallimento virologico di un farmaco definito come una misurazione della carica virale superiore a 500 copie per mL dopo almeno 4 mesi di uso continuo.

Sono stati effettuati aggiustamenti per sesso, gruppo di trasmissione, età, status dell’AIDS, conta delle cellule CD4, cariche virali plasmatiche al fallimento virologico di tripla classe, raggiungimento della risposta virologica ( meno di 50 copie per mL ) e numero di fallimenti farmacologici prima del fallimento virologico di tripla classe.

In totale, 28 delle 33 coorti nel gruppo COHERE hanno contribuito ai dati del progetto PLATO II, 4 delle quali non avevano partecipanti eleggibili per l’inclusione nello studio.

Nello studio, 2.476 ( 3% ) dei 91.764 partecipanti delle rimanenti 24 coorti hanno mostrato fallimento virologico di tripla classe, e almeno una misurazione di carica virale nel periodo 2000-2009.

La proporzione di pazienti con risposta virologica dopo fallimento virologico di tripla classe è aumentato dal 19.5% nel 2000 al 57.9% nel 2009 ( p aggiustato inferiore a 0.0001 ).

L’incidenza di AIDS è diminuita da 7.7 per 100 anni-persona nel 2000-2002 a 2.3 nel 2008 e 1.2 nel 2009 ( p aggiustato inferiore a 0.0001 ).

La mortalità è diminuita da 4.0 per 100 anni-persona tra il 2000 e il 2002 a 1.9 nel 2007 e 1.4 nel 2008 ( p non aggiustato=0.023 ), ma la tendenza non è risultata significativa dopo aggiustamento ( p=0.22 ).

In conclusione, un sostanziale miglioramento nella soppressione della carica virale e la concomitante diminuzione nei tassi di AIDS in persone dopo il fallimento estensivo di farmaci delle 3 classi originali di farmaci antiretrovirali tra il 2000 e il 2009 è stato probabilmente determinato dalla disponibilità di nuovi farmaci con migliore tollerabilità e facilità di utilizzo e piccoli profili di cross-resistenza, suggerendo un beneficio in termini di sanità pubblica derivato dall’introduzione di nuovi farmaci. ( Xagena2012 )

Pursuing Later Treatment Option II ( PLATO II ) project team, Lancet Infect Dis 2012; 12: 119-127

Inf2012 Farma2012


Indietro