GSK Infettivologia
Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
Forum Infettivologico

Sicurezza e immunogenicità di CoronaVac nelle persone che convivono con l'HIV


Le persone che vivono con l'HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) potrebbero avere una risposta scarsa o ritardata ai vaccini, principalmente quando la conta delle cellule CD4 è bassa, e i dati sui vaccini COVID-19 in questa popolazione sono limitati.
Uno studio di coorte prospettico ha valutato la sicurezza e l'immunogenicità del vaccino inattivato per SARS-CoV-2 CoronaVac ( vaccino inattivato di Sinovac ) nelle persone con infezione da HIV rispetto a persone senza immunosoppressione nota.

In questo studio di coorte prospettico, sono stati inclusi gli adulti di età maggiore o uguale a 18 anni affetti da HIV che sono stati regolarmente seguiti presso l'ambulatorio per l'HIV / AIDS dell'Università di San Paolo, in Brasile.
L'idoneità per le persone con infezione da HIV era indipendente dall'uso di antiretrovirali, dalla carica virale dell'HIV o dalla conta delle cellule CD4.

Gli adulti senza immunosoppressione nota con storia di vaccinazione CoronaVac sono stati inclusi come gruppo di controllo.
CoronaVac è stato somministrato per via intramuscolare in un regime a due dosi, a distanza di 28 giorni.
Il sangue è stato raccolto prima della somministrazione del vaccino e 6 settimane dopo la seconda dose ( giorno 69 ).

L'immunogenicità è stata valutata al basale ( giorno 0 ), prima del secondo vaccino ( giorno 28 ) e 6 settimane dopo la seconda dose di vaccino ( giorno 69 ) attraverso il titolo IgG SARS-CoV-2 e la sieroconversione, la positività all'anticorpo neutralizzante ( NAb ) e l'attività percentuale, e l’aumento del fattore nei titoli medi geometrici di IgG ( FI-GMT ).

Si è studiato se lo stato dell'HIV e la conta delle CD4 ( inferiore a 500 o maggiore o uguale a 500 cellule per microl ) fossero associati all'immunogenicità di CoronaVac mediante l'uso di modelli multivariabili aggiustati per età e sesso.

Tra il 9 febbraio e il 4 marzo 2021, sono stati reclutati 776 partecipanti. Dei 511 partecipanti inclusi, 215 ( 42% ) erano persone con infezione da HIV e 296 ( 58% ) erano persone senza immunosoppressione nota.

A 6 settimane dalla seconda dose di vaccino ( giorno 69 ), 185 dei 204 partecipanti ( 91% ) con HIV e 265 dei 274 partecipanti ( 97% ) senza immunosoppressione nota avevano sieroconversione ( P=0.0055 ).
143 dei 202 partecipanti ( 71% ) con infezione da HIV erano NAb positivi rispetto a 229 dei 274 partecipanti ( 84% ) senza immunosoppressione nota ( P=0.0008 ).

I titoli IgG mediani sono stati 48.7 AU/ml nelle persone con infezione da HIV rispetto a 75.2 AU/ml nelle persone senza immunosoppressione nota ( P minore di 0.0001 ); e l'attività mediana di NAb è stata del 46.2% rispetto al 60.8% ( P minore di 0.0001 ).

Nelle persone con infezione da HIV che avevano una conta di CD4 inferiore a 500 cellule per microl, i tassi di sieroconversione, la positività di NAb e l'attività di NAb sono stati inferiori rispetto a quelli con una conta di CD4 di almeno 500 cellule per microl.

In modelli multivariabili per sieroconversione, positività NAb, concentrazione di IgG e attività NAb dopo un regime completo a due dosi, aggiustato per età e sesso, le persone con HIV che avevano una conta di CD4 di almeno 500 cellule per microl e le persone senza immunosoppressione nota avevano un'immunogenicità maggiore rispetto alle persone con HIV con conta di CD4 minore di 500 cellule per microl.
Durante lo studio non sono state riportate reazioni avverse gravi.

L'immunogenicità dopo CoronaVac nelle persone con infezione da HIV sembra forte ma ridotta rispetto alle persone senza immunosoppressione nota.
I risultati hanno evidenziato la necessità di strategie per migliorare l'immunogenicità del vaccino nelle persone con infezione da HIV. ( Xagena2022 )

Netto LC et al, Lancet HIV; 2022: 9: 323-331

Inf2022 Vac20222 Med2022 Farma2022


Indietro