XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Lopinavir più inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa, Lopinavir più Raltegravir o Lopinavir in monoterapia per il trattamento di seconda linea della infezione da HIV: studio EARNEST


Milioni di persone con infezione da HIV in tutto il mondo ricevono terapia antiretrovirale ( ART in programmi che usano regimi standardizzati raccomandati dalla Organizzazione Mondiale della Sanità ( WHO ).
Le recenti linee guida della WHO raccomandano un inibitore della proteasi potenziato più Raltegravir come combinazione alternativa di seconda linea.

Uno studio ha valutato se questa opzione di trattamento offra un vantaggio rispetto all'inibitore della proteasi standard più due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa ( NRTI ) di seconda linea dopo 144 settimane di follow-up nelle impostazioni tipiche del programma.

Sono stati analizzati i risultati a 144 settimane al termine dello studio EARNEST, uno studio controllato randomizzato condotto in adulti o adolescenti con infezione da HIV in 14 Centri in 5 Paesi dell'Africa subsahariana ( Uganda, Zimbabwe, Malawi, Kenya, Zambia ).
I partecipanti erano pazienti che non rispondevano più alla terapia antiretrovirale di prima linea non-basata su NRTI, come valutato con i criteri WHO, con conferma dai test di carica virale.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un inibitore della proteasi potenziato con Ritonavir ( Lopinavir 400 mg con Ritonavir 100 mg, due volte al giorno ) più due o tre NRTI selezionati dal medico ( gruppo inibitore della proteasi più NRTI ), inibitore della proteasi più Raltegravir ( 400 mg due volte per giorno, gruppo inibitore della proteasi più Raltegravir ), o monoterapia con inibitori della proteasi ( più induzione con Raltegravir per le prime 12 settimane, intensificata nuovamente alla terapia combinata dopo la settimana 96; gruppo in monoterapia con inibitori della proteasi ).

L'esito primario era una carica virale inferiore a 400 copie per ml alla settimana 144, per la quale è stata valutata la non-inferiorità con un alfa unilaterale di 0.025 e la superiorità con un alfa bilaterale di 0.025.

Tra il 2010 e il 2011, sono stati sottoposti a screening 1.837 pazienti per l'idoneità, di cui 1.277 sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di intervento.

Nell'analisi primaria ( caso completo ) a 144 settimane, 317 su 367 pazienti ( 86% ) nel gruppo inibitore della proteasi più NRTI avevano cariche virali inferiori a 400 copie per ml rispetto a 312 su 383 ( 81% ) nel gruppo inibitore della proteasi più Raltegravir ( P=0.77 ).

Nel gruppo in monoterapia con inibitori della proteasi, 292 su 375 pazienti ( 78% ) avevano una carica virale inferiore a 400 copie per ml; P=0.003 rispetto al gruppo inibitore della proteasi più NRTI a 144 settimane.

Non c'è stata differenza tra i gruppi negli eventi avversi gravi, eventi avversi di grado 3 o 4 ( totali o correlati alla terapia antiretrovirale ), o eventi che hanno portato alla modifica del trattamento.

L'inibitore della proteasi più Raltegravir non ha offerto alcun vantaggio rispetto all'inibitore della proteasi più NRTI nell'efficacia o sicurezza virologica.
Nell'analisi primaria, l'inibitore della proteasi più Raltegravir non ha soddisfatto i criteri di non-inferiorità.
Un regime di inibitore della proteasi con NRTI rimane il miglior regime di seconda linea standardizzato per l'uso in contesti con risorse limitate. ( Xagena2018 )

Hakim JG et al, Lancet Infect Dis 2018; 18: 47-57

Inf2018 Farma2018


Indietro