Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Ematobase.it

La risposta precoce è un predittore di outcome nei pazienti trattati con Enfuvirtide, un inibitore della fusione


Nel corso del 44th Interscience Conference on Antimicrobial Agents and Chemotherapy ( ICAAC ) è stata presentata un’analisi ad hoc di due studi clinici che hanno riguardato Enfuvirtide.

Precedenti studi avevano indicato che una precoce risposta virologica al trattamento antiretrovirale può predire l’outcome virologico nei pazienti naive.
Per i pazienti già sottoposti a terapia antiretrovirale questa relazione è meno chiara.

Negli studi TORO1 e TORO2, i Ricercatori hanno individuato 320 pazienti che hanno presentato un aumento maggiore di 50 cellule/mm(3) delle cellule CD4+, alla 12^ settimana di studio.

Alla 24^ settimana, l’82% dei pazienti rimasti in trattamento presentava ancora un aumento di 50cellule/mm(3); il 55% presentava un aumento di 100 cellule/mm(3) ed il 33% un aumento di 150 cellule/mm(3).

Alla 48^ settimana, l’82% dei pazienti rimasti in trattamento manteneva l’aumento di 50 cellule/mm(3), il 66% presentava un aumento di 100 cellule/mm(3), ed il 48% aveva un incremento di 150 cellule/mm(3).

Alla 96^ settimana, l’87% dei pazienti rimasti in trattamento manteneva ancora l’aumento di 50 cellule/mm(3); il 76% aveva un aumento di 100 cellule/mm(3) ed il 60% un aumento di 150 cellule/mm(3).

Nei due studi clinici, i Ricercatori hanno identificato 395 pazienti che presentavano una riduzione superiore a 1 log10 copie/ml di virus circolante dopo 12 settimane.

Alla 24^ settimana, nell’87% dei pazienti rimasti in trattamento la riduzione nella carica virale era ancora mantenuta, il 62% aveva raggiunto una carica virale non rilevabile al saggio di 400 copie/ml, il 39% aveva raggiunto una carica virale non rilevabile al saggio di 50 copie/ml.

Alla 96^ settimana, nel 79% dei pazienti rimasti in trattamento la riduzione della carica virale era ancora mantenuta, il 60% aveva una carica virale non rilevabile al saggio di 400 copie/ml, il 39% è rimasto in carica virale non rilevabile al saggio di 50 copie/ml. ( Xagena2004 )

Fonte: 44th ICAAC, 2004

Inf2004 Farma2004


Indietro