Sinusite
GSK Infettivologia
Sinusiti Mascellari Odontogene
Forum Infettivologico

Funzione renale negli utilizzatori di profilassi pre-esposizione orale a base di Tenofovir disoproxil fumarato


Le precedenti linee guida dell'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) sulla profilassi pre-esposizione ( PrEP ) orale a base di Tenofovir disoproxil fumarato ( TDF ) avevano suggerito di misurare i livelli di creatinina all'inizio della profilassi PrEP e successivamente regolarmente, il che potrebbe rappresentare un ostacolo all'implementazione e all'assorbimento della profilassi PrEP.

È stata rivista sistematicamente la letteratura pubblicata sulla tossicità renale tra gli utilizzatori della profilassi PrEP orale a base di Tenofovir disoproxil fumarato ed è stata condotta una meta-analisi dei dati dei partecipanti individuali ( IPDMA ) sulla funzione renale tra gli utilizzatori di profilassi PrEP in un set di dati del progetto di implementazione globale.

In una revisione sistematica e meta-analisi sono stati cercati studi randomizzati e controllati o studi di coorte che riportavano eventi avversi correlati ai reni, classificati tra gli utilizzatori di PrEP per via orale ( solo PrEP a base di Tenofovir disoproxil fumarato o in associazione con Emtricitabina o Lamivudina ).

Sono stati estratti i dati di riepilogo e sono state condotte meta-analisi con modelli a effetti casuali per stimare i rischi relativi di eventi avversi correlati ai reni di grado 1 e superiore e di grado 2 e superiore, misurati dagli elevati livelli di creatinina sierica o dal calo della clearance della creatinina stimata o dalla velocità di filtrazione glomerulare stimata.

L'IPDMA ha incluso i dati dei singoli partecipanti da 17 progetti di attuazione della PrEP e due studi randomizzati e controllati ( RCT ).
La clearance basale stimata della creatinina e la variazione della clearance della creatinina dopo l'inizio sono state descritte in base all'età, genere e comorbilità.
È stato stimato il rischio di declino della clearance della creatinina a meno di 60 ml/min.

Sono stati inclusi 17 articoli che hanno riportato 11 studi con 13.523 partecipanti a meta-analisi.

L'uso della profilassi PrEP è stato associato a un aumento del rischio di eventi avversi renali di grado 1 e superiore ( odds ratio raggruppato, OR=1.49, I2=25% ) e di eventi di grado 2 e superiore ( OR=1.75, I2=0% ), sebbene l'associazione di grado 2 e superiore non fosse statisticamente significativa e gli eventi fossero rari ( 13 su 6.764 nel gruppo intervento versus 6 su 6.782 nel gruppo controllo ).

L'IPDMA ha incluso 18.676 individui provenienti da 15 Paesi ( 1453, 7.8%, da studi randomizzati e controllati ) e 79 ( 0.42% ) avevano una clearance della creatinina stimata al basale inferiore a 60 ml/min ( proporzioni crescenti con l'aumentare dell'età ).

Le analisi longitudinali hanno incluso 14.368 utilizzatori di profilassi PrEP e 349 individui ( 2.43% ) hanno avuto un calo a meno di 60 ml/min di clearance della creatinina, con rischi più elevati associati all'aumento dell'età e una clearance della creatinina al basale di 60.00-89.99 ml/min ( hazard ratio aggiustato, aHR=8.49 ) e inferiore a 60 ml/min ( aHR=20.83 ).

Gli studi randomizzati hanno indicato che i rischi di eventi avversi correlati ai reni tra gli utilizzatori di PrEP orale a base di Tenofovir disoproxil fumarato sono aumentati ma generalmente lievi e modesti.
L’analisi globale degli utenti di profilassi PrEP ha rilevato rischi variabili in base all'età e alla clearance basale della creatinina.

Lo screening e il monitoraggio della funzionalità renale potrebbero concentrarsi sugli individui più anziani, su quelli con clearance della creatinina al basale inferiore a 90 ml/min e su quelli con comorbilità correlate ai reni.
Uno screening meno frequente o facoltativo tra i soggetti più giovani senza comorbilità correlate ai reni può ridurre gli ostacoli all'implementazione e all'uso della profilassi pre-esposizione. ( Xagena2022 )

Schaefer R et al, Lancet HIV; 2022: 9: 242-253

Inf2022 Nefro2022 Farma2022


Indietro