Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Fostemsavir negli adulti con infezione da HIV-1 multiresistente


In alcuni pazienti con infezione da virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ) sottoposti a più terapie antiretrovirali e con opzioni di trattamento limitate, sono necessarie nuove classi di farmaci antiretrovirali con nuovi meccanismi di azione.
Fostemsavir è il profarmaco di Temsavir, un inibitore sperimentale capostipite degli inibitori dell’attachment di HIV-1.

In uno studio di fase 3 in corso in 23 Paesi, sono stati arruolati pazienti con infezione da HIV-1 multiresistente in due coorti, in base alle restanti opzioni di trattamento.
Nella prima coorte, sono stati assegnati i pazienti che avevano l'opzione di utilizzare almeno un farmaco antiretrovirale approvato completamente attivo in almeno una ma non più di due classi di antiretrovirali ad aggiungere Fostemsavir ( a una dose di 600 mg due volte al giorno ) oppure placebo al loro regime in via di fallimento per 8 giorni, seguito da Fostemsavir in aperto e terapia di base ottimizzata ( coorte randomizzata ).

Nella seconda coorte, i pazienti che non avevano opzioni antiretrovirali rimanenti hanno iniziato l’assunzione di Fostemsavir in aperto più terapia di base ottimizzata il giorno 1 ( coorte non-randomizzata ).

L'endpoint primario era il cambiamento medio nel livello di RNA dell'HIV-1 dal giorno 1 al giorno 8 nella coorte randomizzata.

Sono stati trattati in totale 371 pazienti, inclusi 272 nella coorte randomizzata e 99 nella coorte non-randomizzata.

Al giorno 8, la riduzione media del livello di RNA dell'HIV-1 è stata di 0.79 log10 copie per millilitro nel gruppo Fostemsavir e 0.17 log10 copie nel gruppo placebo ( P minore di 0.001 ).

Alla settimana 48 si è verificata una risposta virologica ( livello di RNA di HIV-1 inferiore a 40 copie per millilitro ) nel 54% dei pazienti nella coorte randomizzata e nel 38% di quelli nella coorte non-randomizzata; l'aumento medio della conta delle cellule T CD4+ è stato di 139 cellule per millimetro cubo e 64 cellule per millimetro cubo, rispettivamente.

Gli eventi avversi hanno portato alla sospensione di Fostemsavir nel 7% dei pazienti.

Nella coorte randomizzata, sono state riscontrate sostituzioni di glicoproteina 120 ( gp120 ) in 20 pazienti su 47 ( 43% ) con fallimento virologico.

Nei pazienti con infezione da HIV-1 multiresistente con opzioni terapeutiche limitate, coloro che hanno ricevuto Fostemsavir hanno mostrato una riduzione significativamente maggiore del livello di RNA dell'HIV-1 rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo durante i primi 8 giorni.
L'efficacia è stata sostenuta per 48 settimane. ( Xagena2020 )

Kozal M et al, N Engl J Med 2020; 382: 1232-1243

Inf2020 Farma2020


Indietro