Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Sinusite
Xagena Mappa

Effetto dell'infezione da HIV sulla crescita e sulla densità ossea nei bambini peripuberali nell'era della terapia antiretrovirale


La crescita lineare incerta e il ritardo puberale, che sono entrambi comuni nei bambini con infezione da HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) nell'Africa sub-sahariana, potrebbero influenzare l'accumulo osseo adolescenziale e il futuro rischio di frattura da fragilità.

È stata studiata l'associazione tra infezione da HIV con la densità ossea aggiustata per le dimensioni scheletriche nei bambini peripuberali dello Zimbabwe.

È stato condotto uno studio trasversale sui dati di base della coorte IMVASK, che ha arruolato bambini di età compresa tra 8 e 16 anni con infezione da HIV che stavano assumendo terapia antiretrovirale ( ART ) da almeno 2 anni e bambini della stessa età senza infezione da HIV.

I bambini con infezione da HIV sono stati reclutati dalle cliniche per l’HIV del settore pubblico presso il Parirenyatwa General Hospital e l'Harare Central Hospital ( Harare, Zimbabwe ), mentre i bambini senza infezione da HIV sono stati reclutati da sei scuole negli stessi sobborghi serviti dagli ospedali.

Sono stati raccolti dati sociodemografici, clinici e antropometrici.
L'assorbimetria a raggi X a doppia energia ( DXA ) è stata utilizzata per misurare gli esiti ossei del contenuto minerale osseo totale del corpo ( BMC ) senza la testa per la massa magra aggiustata per l'altezza ( TBLH ) [ TBLH-BMC LBM ], e la densità minerale apparente dell'osso della colonna lombare ( LS-BMAD ), ed è stata valutata la prevalenza di TBLH-BMC LBM basso e LS-BMAD basso ( definiti da punteggi Z inferiori a -2.0 ).

Sono stati reclutati 303 bambini con infezione da HIV ( età media 12.4 anni; 151 ragazze, 50% ) e 306 bambini senza infezione da HIV ( età media 12.5 anni; 155 ragazze, 51% ).
Nei bambini con infezione da HIV, l'età media alla diagnosi era di 3.0 anni e la durata media della terapia ART era di 8.1 anni; per 102 bambini ( 34% ); la terapia ART includeva Tenofovir Disoproxil Fumarato ( TDF; Viread ).

I bambini con infezione da HIV avevano una maggiore prevalenza di basso punteggio Z TBLH-BMC LBM rispetto ai bambini senza HIV ( 29 su 279 bambini, 10%, con dati disponibili vs 18 su 292, 6%, con dati disponibili; P=0.066 ), e una maggiore prevalenza di basso punteggio Z LS-BMAD ( 40 su 279, 14%, vs 17 su 293, 6%, con dati disponibili; P=0.0007 ).

L'infezione da HIV e il sesso maschile sono stati associati a stadio puberale ( Tanner ) più precoce.
Le associazioni negative tra infezione da HIV e punteggi Z per TBLH-BMC LBM e LS-BMAD sono state più pronunciate con la maturazione puberale, in particolare nelle ragazze.

Tra i bambini con infezione da HIV, l'esposizione a Tenofovir Disoproxil Fumarato ed essere orfani sono stati associati a un punteggio Z TBLH-BMC LBM più basso nell'analisi aggiustata per i fattori confondenti.

L'uso corrente di Tenofovir Disoproxil Fumarato ( rispetto alla terapia ART non-basata su Tenofovir Disoproxil Fumarato ) è stato associato a una riduzione del punteggio Z TBLH-BMC LBM di 0.41 ( P=0.015 ) e del punteggio Z LS-BMAD di 0.31 ( P=0.12 ).

Nonostante la terapia antiretrovirale, l'infezione da HIV è risultata associata a sostanziali deficit scheletrici verso la fine della pubertà.
L'entità dei deficit ossei associati a Tenofovir Disoproxil Fumarato e il suo uso diffuso nei bambini nell'Africa subsahariana sono fonte di preoccupazione per il futuro rischio di frattura negli adulti. ( Xagena2021 )

Rukuni R et al, Lancet Child & Adolescent Health; 2021: 5: 569-581

Inf2021 Pedia2021 Endo2021 Farma2021


Indietro