Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Descrizione di COVID-19 negli individui con infezione da HIV


Le informazioni sull'incidenza, le caratteristiche cliniche e gli esiti di individui con infezione da HIV e con infezione da SARS-CoV-2 sono scarse.
Sono stati caratterizzati gli individui con malattia COVID-19 tra una coorte di adulti con infezione da HIV a Madrid.

In questo studio prospettico osservazionale, sono stati inclusi tutti gli individui consecutivi con infezione da HIV di età maggiore o uguale a 18 anni che avevano COVID-19 sospettata o confermata al 30 aprile 2020, presso l'Hospital Universitario Ramón y Cajal ( Madrid, Spagna ).

Sono state confrontate le caratteristiche degli individui con infezione da HIV con COVID-19 con un campione di individui con infezione da HIV valutati prima della pandemia di COVID-19 e sono stati descritti gli esiti degli individui con COVID-19.

A 51 individui con infezione da HIV è stata diagnosticata la malattia COVID-19 ( incidenza 1.8% ).
L'età media dei pazienti era di 53.3 anni; 8 ( 16% ) erano donne e 43 ( 84% ) uomini.
In 35 casi di coinfezione ( 69% ) è stato confermato il COVID-19 in laboratorio e 28 ( 55% ) hanno richiesto il ricovero ospedaliero.

L'età e la conta delle cellule CD4 in 51 pazienti con diagnosi di COVID-19 erano simili a quelle di 1.288 individui con infezione da HIV senza diagnosi di COVID-19; tuttavia, 32 pazienti con COVID-19 ( 63% ) avevano almeno una comorbilità ( principalmente ipertensione e diabete ) rispetto a 495 ( 38% ) senza COVID-19 ( P=0.00059 ).

In tutto 37 pazienti ( 73% ) avevano ricevuto Tenofovir prima della diagnosi di COVID-19 rispetto a 487 ( 38% ) tra quelli senza COVID-19 ( P=0.036 ); 11 ( 22% ) nel gruppo COVID-19 avevano fatto un precedente uso di inibitori della proteasi ( principalmente Darunavir ) rispetto a 175 ( 14%; P=0.578 ).

La presentazione clinica, analitica e radiologica di COVID-19 negli individui con infezione da HIV era simile a quella descritta nella popolazione generale.
6 individui ( 12% ) erano gravemente malati, 2 dei quali avevano una conta di CD4 inferiore a 200 cellule per microl e 2 ( 4% ) sono morti.

La tecnica della RT-PCR per SARS-CoV-2 è rimasta positiva dopo una mediana di 40 giorni dall'insorgenza dei sintomi in 6 individui ( 32% ), 4 dei quali avevano una malattia grave o una conta delle cellule CD4 bassa al nadir.

Le persone con infezione da HIV non devono essere considerate protette dall'infezione da SARS-CoV-2 o con un rischio inferiore di malattia grave.
In generale, dovrebbero ricevere lo stesso approccio di trattamento applicato alla popolazione generale. ( Xagena2020 )

Vizcarra P et al, Lancet HIV 2020; 7: 554-564

Inf2020



Indietro