Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Ematobase.it

Carico globale di malattie cardiovascolari aterosclerotiche nelle persone con infezione da HIV


Con i progressi della terapia antiretrovirale, la maggior parte dei decessi nelle persone con infezione da HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) sono ora attribuibili a malattie non-trasmissibili, in particolare malattie cardiovascolari.
È stata determinata l'associazione tra infezione da HIV e malattie cardiovascolari, ed è stato stimato il carico nazionale, regionale e globale delle malattie cardiovascolari attribuibili all'HIV.

È stata condotta una revisione sistematica su 5 database nel 2016 di studi longitudinali su malattie cardiovascolari nell'infezione da HIV.
Una meta-analisi a effetti casuali su 80 studi è stata utilizzata per derivare il tasso aggregato e il rischio di malattia cardiovascolare nelle persone che vivono con il virus HIV.

Sono stati quindi stimati i cambiamenti temporali nella frazione attribuibile alla popolazione e nell' attesa di vita corretta per la disabilità ( DALY ) delle malattie cardiovascolari associate all’HIV dal 1990 al 2015 a livello regionale e globale.

I DALY cardiovascolari nazionali associati all'HIV per il 2015 sono stati ottenuti per 154 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite.

La principale misura di esito era la stima congiunta del tasso e del rischio di malattia cardiovascolare nelle persone che vivono con HIV e le stime nazionali, regionali, e globali di DALY della malattia cardiovascolare associata con HIV.

In 793.635 persone che vivono con HIV e un follow-up totale di 3.5 milioni di anni-persona, il tasso grezzo di malattia cardiovascolare è stato pari a 61.8 per 10.000 anni-persona.

In confronto con individui senza HIV, il rapporto di rischio per le malattie cardiovascolari era 2.16.

Negli ultimi 26 anni, la frazione globale attribuibile alla popolazione delle malattie cardiovascolari attribuibili all'HIV è aumentata dallo 0.36% allo 0.92%, e l'attesa di vita corretta per disabilità è aumentata da 0.74 a 2.57 milioni.

Vi è stata una marcata variazione regionale con la maggior parte dei DALY persi nell'Africa subsahariana ( 0.87 milioni ) e nell'area asiatica del Pacifico ( 0.39 milioni ).
La frazione e il carico più elevati attribuibili alla popolazione sono stati osservati nello Swaziland, nel Botswana e nel Lesotho.

In conclusione, le persone che vivono con infezione da HIV hanno il doppio delle probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari.
Il carico globale delle malattie cardiovascolari associate all'HIV è triplicato negli ultimi due decenni ed è ora responsabile di 2.6 milioni di DALY all'anno con il maggiore impatto nell'Africa sub-sahariana e nelle regioni dell'Asia-Pacifico. ( Xagena2018 )

Shah ASV et al, Circulation 2018; 138: 1100-1112

Cardio2018 Inf2018



Indietro