Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione somministrati ogni 2 mesi in adulti con infezione da HIV-1: studio ATLAS-2M


Studi clinici di fase 3 hanno mostrato la non-inferiorità di Cabotegravir ( Vocabria ) intramuscolare e Rilpivirina ( Rekambys ) a lunga durata d'azione somministrati ogni 4 settimane rispetto alla terapia antiretrovirale orale.
Importanti risultati di fase 2 del dosaggio ogni 8 settimane sono alla base di un'ulteriore valutazione del dosaggio ogni 8 settimane in uno studio che ha il potenziale di offrire una maggiore convenienza.

È stata confrontata l'efficacia antivirale alla settimana 48 di Cabotegravir più Rilpivirina a lunga durata d'azione ogni 8 settimane con quella della somministrazione ogni 4 settimane.

ATLAS-2M è uno studio in corso, randomizzato, multicentrico ( 13 Paesi; Australia, Argentina, Canada, Francia, Germania, Italia, Messico, Russia, Sud Africa, Corea del Sud, Spagna, Svezia e Stati Uniti ), in aperto, di fase 3b, di non-inferiorità della terapia di mantenimento a lunga durata d'azione con Cabotegravir più Rilpivirina somministrata per via intramuscolare ogni 8 settimane ( Cabotegravir 600 mg più Rilpivirina 900 mg ) o ogni 4 settimane ( Cabotegravir 400 mg più Rilpivirina 600 mg ) ad adulti già trattati con HIV-1.

I soggetti idonei di nuovo reclutamento dovevano aver ricevuto un primo o un secondo regime di cura standard orale ininterrotto per almeno 6 mesi senza fallimento virologico ed essere di età pari o superiore a 18 anni.

I partecipanti ammissibili dallo studio ATLAS, sia dal gruppo orale standard di cura che da quello a lunga durata d'azione, dovevano aver completato la fase comparativa di 52 settimane con uno screening in ATLAS-2M dell’RNA plasmatico HIV-1 inferiore a 50 copie per ml.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabotegravir più Rilpivirina ad azione prolungata ogni 8 settimane o ogni 4 settimane.

L'endpoint primario alla settimana 48 era HIV-1 RNA maggiore o uguale a 50 copie per ml ( Snapshot, esposizione intent-to-treat ), con un margine di non-inferiorità del 4%.

Lo screening è stato effettuato tra il 2017 e il 2018.

Su 1.149 individui sottoposti a screening, 1.045 partecipanti sono stati randomizzati al gruppo ogni 8 settimane ( n=522 ) o al gruppo ogni 4 settimane ( n=523 ); il 37% ( n=391 ) è passato da Cabotegravir più Rilpivirina ad azione prolungata ogni 4 settimane in ATLAS.

L'età media dei partecipanti era di 42 anni; 27% ( n=280 ) femmine alla nascita; 73% ( n=763 ) bianchi.

Cabotegravir più Rilpivirina ad azione prolungata ogni 8 settimane è risultato non-inferiore al dosaggio ogni 4 settimane ( HIV-1 RNA maggiore o uguale a 50 copie per ml; 2% vs1% ) con una differenza di trattamento aggiustata di 0.8.

Ci sono stati 8 ( 2%, gruppo ogni 8 settimane ) e 2 ( inferiore a 1%, gruppo ogni 4 settimane ) fallimenti virologici confermati ( due misure sequenziali maggiori o uguali a 200 copie per ml ).

Per il gruppo ogni 8 settimane, 5 su 8 ( 63% ) avevano mutazioni associate alla resistenza agli inibitori non-nucleosidici della trascrittasi inversa relative come Rilpivirina al basale.

Il profilo di sicurezza è stato simile tra i gruppi di dosaggio, con 844 su 1.045 partecipanti ( 81% ) che hanno avuto eventi avversi ( escluse le reazioni al sito di iniezione ); non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

I profili di efficacia e sicurezza del dosaggio ogni 8 settimane e del dosaggio ogni 4 settimane sono stati simili.
Questi risultati supportano l'uso di Cabotegravir più Rilpivirina a lunga durata d'azione somministrati ogni 2 mesi come opzione terapeutica per le persone che convivono con l'HIV-1. ( Xagena2020 )

Overton ET et al, Lancet 2020; 396: 1994-2005

Inf2020 Farma2020


Indietro