Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione per il mantenimento della soppressione dell'HIV-1


Regimi semplificati per il trattamento dell'infezione da virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ) possono aumentare la soddisfazione del paziente e facilitare l'aderenza.

In uno studio in aperto di fase 3, multicentrico, di non-inferiorità, sono stati coinvolti pazienti che avevano avuto livelli plasmatici di RNA dell'HIV-1 inferiori a 50 copie per millilitro per almeno 6 mesi durante l'assunzione di terapia antiretrovirale orale standard, e sono stati assegnati in modo casuale a continuare la terapia orale o passare alle iniezioni intramuscolari mensili di Cabotegravir a lunga durata d'azione, un inibitore dello strand transfer dell’integrasi di HIV-1 e Rilpivirina a lunga durata d'azione, un inibitore non-nucleosidico della trascrittasi inversa.

L'endpoint primario era la percentuale di partecipanti con un livello di RNA di HIV-1 di 50 copie per millilitro o superiore alla settimana 48, determinato con l'uso dell'algoritmo snapshot della FDA ( Food and Drug Administration ).

Il trattamento è stato avviato in 308 partecipanti per gruppo.

Alla settimana 48, livelli di RNA di HIV-1 di 50 copie per millilitro o superiore sono stati riscontrati in 5 partecipanti ( 1.6% ) in terapia a lunga durata d'azione e in 3 ( 1.0% ) in terapia orale ( differenza aggiustata, 0.6 punti percentuali ), un risultato che ha soddisfatto il criterio di non-inferiorità per l'endpoint primario ( margine di non-inferiorità, 6 punti percentuali ).

Un livello di RNA di HIV-1 inferiore a 50 copie per millilitro alla settimana 48 è stato riscontrato nel 92.5% dei partecipanti in terapia a lunga durata d'azione e nel 95.5% di quelli in terapia orale ( differenza aggiustata, -3.0 punti percentuali ), un risultato che ha soddisfatto il criterio di non-inferiorità per questo endpoint ( margine di non-inferiorità, -10 punti percentuali ).

Il fallimento virologico è stato confermato in 3 partecipanti che hanno ricevuto la terapia a lunga durata d'azione e in 4 partecipanti che hanno ricevuto la terapia orale.

Gli eventi avversi sono stati più comuni nel gruppo di terapia a lunga durata d'azione e includevano dolore nel sito di iniezione, che si è verificata in 231 pazienti ( 75% ) trattati con terapia a lunga durata d'azione e nella maggior parte dei casi è stato lieve o moderato; l'1% dei pazienti si è ritirato a causa di questo evento.
Sono stati segnalati eventi avversi gravi in non più del 5% dei partecipanti in ciascun gruppo.

Le iniezioni mensili di Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione sono risultate non-inferiori alla terapia orale standard per il mantenimento della soppressione dell'HIV-1.
Gli eventi avversi correlati all'iniezione sono stati comuni ma solo raramente hanno portato alla sospensione del trattamento. ( Xagena2020 )

Swindells S et al, N Engl J Med 2020; 382: 1112-1123

Inf2020 Farma2020


Indietro