GSK Infettivologia
Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
Forum Infettivologico

Associazione tra inibitori del trasferimento del filamento di integrasi e malattie cardiovascolari nelle persone che convivono con l'infezione da virus HIV


Sebbene le associazioni tra le classi di farmaci antiretrovirali più antiche e le malattie cardiovascolari nelle persone che convivono con l'infezione da HIV siano ben descritte, vi è scarsità di dati riguardo a una possibile associazione con gli inibitori del trasferimento di filamenti di integrasi ( INSTI ).
Si è studiato se l'esposizione agli inibitori INSTI fosse associata a un'aumentata incidenza di malattie cardiovascolari.

RESPOND è uno studio prospettico, multicentrico, di collaborazione tra 17 coorti europee e australiane preesistenti e comprende più di 32.000 adulti con infezioen da virus HIV in cura clinica dal 2012.
Gli individui erano idonei per l'inclusione in queste analisi se erano più anziani di 18 anni, avevano conta delle cellule CD4 e misurazioni della carica virale dell'HIV nei 12 mesi precedenti o entro 3 mesi dopo il basale ( ultima iscrizione alla coorte o 1 gennaio 2012 ) e non avevano subito esposizione agli inibitori INSTI prima del basale.

Questi individui sono stati successivamente seguiti fino al primo evento di malattia cardiovascolare ( infarto del miocardio, ictus o procedura cardiovascolare invasiva ), all'ultimo follow-up o al 31 dicembre 2019.

Sono state valutate le associazioni tra malattie cardiovascolari ed esposizione a inibitori INSTI ( 0 mesi, nessuna esposizione, versus da più di 0 a 6 mesi, da più di 6 a 12 mesi, da più di 12 a 24 mesi, da più di 24 a 36 mesi e più di 36 mesi ), aggiustando per i fattori di rischio cardiovascolare.

In queste analisi sono state incluse 29.340 persone che convivono con l'infezioen da HIV, di cui 7.478 ( 25.5% ) erano donne, 21.818 ( 74.4% ) erano maschi e 44 ( inferiore a 1% ) erano transgender, con un'età media di 44.3 anni al basale.
Al 31 dicembre 2019, 14.000 su 29.340 partecipanti ( 47.7% ) erano stati esposti a un inibitore INSTI.

Durante un follow-up mediano di 6.16 anni ( 160.252 anni-persona ), 748 individui ( 2.5% ) hanno manifestato un evento di malattia cardiovascolare ( tasso di incidenza di 4.67 eventi per 1.000 anni-persona di follow-up ).

Il tasso grezzo di incidenza delle malattie cardiovascolari è stato di 4.19 eventi per 1.000 anni-persona nei pazienti senza esposizione a inibitori INSTI, che è aumentato a 8.46 eventi per 1.000 anni-persona in quelli con più di 0 mesi fino a 6 mesi di esposizione, ed è diminuito gradualmente con l'aumentare della durata dell'esposizione, fino a ridursi a livelli simili di nessuna esposizione a più di 24 mesi di esposizione ( 4.25 eventi per 1.000 anni-persona tra quelli con esposizione da più di 24 a 36 mesi ).

Rispetto ai pazienti senza esposizione agli inibitori INSTI, il rischio di malattie cardiovascolari è aumentato nei primi 24 mesi di esposizione agli inibitori INSTI e successivamente è diminuito a livelli simili a quelli dei pazienti mai esposti ( da più di 0 a 6 mesi di esposizione: incidence rate ratio [ IRR ] aggiustato 1.85; da più di 6 a 12 mesi di esposizione: 1.19; da più di 12 a 24 mesi di esposizione: 1.46; da più di 24 a 36 mesi di esposizione: 0.89; e da più di 36 mesi di esposizione: 0.96; P minore di 0.0001 ).

Dallo studio è emerso che l'inizio della somministrazione di inibitori INSTI è stato associato a esordio precoce, eccessiva incidenza di malattie cardiovascolari nei primi 2 anni di esposizione, dopo aver tenuto conto di noti fattori di rischio di malattie cardiovascolari.
Questi primi risultati richiedono analisi in altri ampi studi e che i potenziali meccanismi sottostanti siano ulteriormente esplorati. ( Xagena2022 )

Neesgaard B et al, Lancet HIV 2022; 9: 474-485

Inf2022 Cardio2022 Farma2022



Indietro