Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sicurezza di Elvitegravir, Cobicistat, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide negli adulti con infezione da HIV-1 con malattia renale allo stadio terminale in emodialisi cronica


Il trattamento attuale per le persone con infezione da HIV con insufficienza renale in emodialisi richiede spesso regimi complessi con più pillole.
Un regime giornaliero monocompressa di Elvitegravir, Cobicistat, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide ( Genvoya ) coformulato è approvato nell'Unione Europea, negli Stati Uniti per l'uso in individui infetti da virus HIV-1 con malattia renale cronica da lieve a moderata ( clearance della creatinina 30-69 ml/min ).

Sono state valutate la sicurezza, l'efficacia e la farmacocinetica di questo regime negli adulti con infezione da HIV con malattia renale allo stadio terminale in emodialisi cronica.

È stato condotto uno studio in aperto, a braccio singolo, multicentrico, di fase 3b in 26 cliniche ambulatoriali in Austria, Francia, Germania e Stati Uniti.

I partecipanti erano adulti con infezione da HIV-1 e con malattia renale terminale ( clearance della creatinina inferiore a 15 ml/min ), in emodialisi cronica da almeno 6 mesi prima dello screening.

La soppressione virologica ( cioè HIV-1 RNA nel plasma inferiore a 50 copie per ml ) con un regime antiretrovirale stabile è stata richiesta per almeno 6 mesi prima dello screening con una conta di CD4 di almeno 200 cellule per microl.
Tutti i partecipanti sono passati alla coformulazione con Elvitegravir 150 mg, Cobicistat 150 mg, Emtricitabina 200 mg e Tenofovir alafenamide 10 mg una volta al giorno, dopo l'emodialisi fino a 96 settimane.

Sono state fatte valutazioni alle visite in studio alle settimane 2, 4, 8, 12, 24, 36 e 48, e ogni 12 settimane da lì in poi fino a 96 settimane.

L'endpoint primario era l'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3 o superiore fino alla settimana 48.

Tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio sono stati inclusi nell'analisi primaria.

Tra febbraio e novembre 2016, 55 partecipanti sono stati arruolati e hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Durante la settimana 48, 18 dei 55 partecipanti ( 33% ) hanno presentato un evento avverso di grado 3 o superiore durante il trattamento di studio.
Eventi avversi di grado 3 o superiore in corso di trattamento che si sono verificati in più di un partecipante hanno incluso anemia, osteomielite, prolungato tratto QT all’elettrocardiogramma ( ECG ), sovraccarico di liquidi, iperkaliemia, ipertensione e ipotensione ( tutti n=2 ).
Nessun evento avverso di grado 3 o superiore è stato considerato in relazione al trattamento.

3 partecipanti ( 5% ) hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi; uno di questi ( prurito allergico di grado 1 ) è stato considerato correlato al trattamento.

Eventi avversi correlati al trattamento sono stati segnalati per 6 individui ( 11% ), il più comune dei quali era nausea ( in 4 individui, 7% ); tutti gli eventi avversi correlati al trattamento erano di grado 1 o 2.

A 48 settimane, il passaggio al regime a compressa singola di Elvitegravir, Cobicistat, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide è risultato ben tollerato.
Questo regime potrebbe fornire una opzione tollerabile e conveniente per il trattamento in corso dell'infezione da HIV-1 negli adulti con malattia renale allo stadio terminale in emodialisi cronica. ( Xagena2019 )

Eron Jr JJ et al, Lancet HIV 2019; 6: 15-24

Inf2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro